In un viaggio a Monaco di Baviera non può mancare una visita alla Residenza. Il palazzo reale della città considerato anche il più grande della Germania.

Durante la mia breve permanenza di 48 ore a Monaco, non avrei potuto farmi sfuggire l’opportunità di camminare tra i corridoi e le numerose stanze di questo sfarzoso palazzo. Amo visitare castelli e palazzi d’epoca, per questo cerco sempre di non perdere l’occasione e di fare un giro ovunque io mi trovi.

Residenza di Monaco di Baviera

L’antica sede dei regnanti di Wittelsbachsi si trova nei pressi della piazza principale di Monaco: Marienplatz, ed è articolata su tre edifici.

La Residenza ha una storia lunga e complicata. Costruita nel 1385 come un modesto castello, viene ampliata nel corso degli anni. Trasformata in una lussuosa dimora, oggi è dotata di 10 cortili e 130 stanze.

Un misto di Rinascimento, Barocco, Rococò e Neoclassicismo. Epoche diverse si incontrano e raccontano la storia della sede dove hanno vissuto duchi, principi e re di Baviera.

Storia e curiosità

Come accennato prima, la nascita della Residenza risale al lontano 1385, quando il duca Stephan III che risiedeva nella vicina Alter Hof, decise di far edificare una piccola fortificazione.

I lavori di ampliamento inizieranno solo nel 1500 e andranno avanti fino al 1800 con il re Ludwig.

I sovrani della dinastia Wittelsbach vi regnarono fino al 1918, ovvero fino all’abolizione della monarchia. La Residenza subì dei seri danneggiamenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Una curiosa particolarità sulla Residenza è collegata a una delle sue tre facciate. Se vi capiterà di osservare la dimora da Max-Joseph-Platz vi sembrerà di vedere Palazzo Pitti. In realtà l’edificio ne è una replica perfetta. E sapete il perché?! Durante il regno di Ludovico I di Baviera, l’architetto Leo von Klenze trasse ispirazione proprio dalla famosa residenza medicea.

Cosa vedere durante la visita alla Residenza

Se desiderate effettuare il giro completo di tutto il complesso monumentale, alle stanze meravigliose della Residenza dovrete aggiungere la visita al Teatro Cuvilliés e la Camera del Tesoro. In questo caso vi converrà acquistare un biglietto cumulativo.

Teatro Cuvilliés

Il Teatro Cuvilliés è uno dei teatri rococò più belli e famosi d’Europa. Le sue origini risalgono al 1750 per volere di Massimiliano Giuseppe III, e per opera dell’architetto François Cuvilliés. Distrutto durante la seconda guerra mondiale, dopo la sua ricostruzione, conserva ancora oggi lo splendore di un tempo.

La camera del tesoro

La Schatzkammer (Camera del tesoro) della Residenza è tra le collezioni più pregiate del suo genere. Contiene le insegne reali, i gioielli di famiglia e vasi. Una raccolta di oggetti preziosi iniziata nel 1565 e tramandata di generazione in generazione, dal medioevo al classicismo.

Tra i locali più apprezzati della Residenza troviamo: l’Antiquarium, la Galleria degli Antenati, la Galleria Verde, gli appartamenti reali e il Grottenhof con la sua fontana centrale e il muro di conchiglie.

Residenza di Monaco di Baviera

L’Antiquarium

L’Antiquarium è uno dei più importanti edifici della collezione rinascimentale, sopravvissuto fino ai giorni nostri. Fu costruito tra il 1568 e il 1571 per volere di Alberto V di Monaco e sulla base di idee dell’architetto Jacopo Strada. La struttura lunga 69 metri, il più grande salone del suo genere a nord delle Alpi, doveva ospitare una vasta collezione di sculture al piano terra,  e una biblioteca al piano superiore. Successivamente fu convertita in una sala da ballo.

Residenza di Monaco di Baviera

Nel corso degli anni alcuni artisti hanno arricchito il salone con degli affreschi, dove spiccano 102 vedute di città bavaresi.

La Galleria degli Antenati

La Galleria degli Antenati fu realizzata nel 1726 dietro richiesta del principe elettore Karl Albrecht, grazie all’architetto Joseph Effner e all’architetto François Cuvilliés.

Nella sala sono raffigurati 121 membri della casata Wittelsbach, omaggio alla storica dinastia.

La Galleria Verde

La Galleria Verde era utilizzata per i ricevimenti. Oggi al suo interno si possono contemplare un tripudio di stucchi dorati, oltre 70 dipinti e specchi.

Gli appartamenti reali 

Degni di nota nella Residenza sono gli appartamenti reali con la sontuosa Sala del trono.

Il Grottenhof

Il Grottenhof (il cortile delle grotte) il più bello dei cortili della Residenza, si contraddistingue con la fontana del Perseo e la riproduzione di un ninfeo interamente ricoperto di conchiglie.

La residenza di Monaco di Baviera è delle attrazioni più interessanti della città. Una visita che vi consiglio assolutamente di fare.

Costo biglietto: Residenza € 10,00 – biglietto cumulativo: Residenza+Tesoro+Teatro € 20,00

Orario d’ingresso: dalle ore 9:00 alle 18:00 orario estivo, per gli altri periodi vi consiglio di consultare il sito ufficiale della Residenza di Monaco di Baviera.

Indirizzo: Residenzstraße 1, 80333 München, Germania

Se avete trovato di vostro gradimento l’articolo sulla visita alla Residenza di Monaco di Baviera, vi invito a condividerlo.

Per idee su cosa e dove mangiare a Monaco di Baviera trovate un post dedicato tra le pagine del blog.